Il cane più nobile del mondo è il Bolognese
16717
post-template-default,single,single-post,postid-16717,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
 

Il cane più nobile del mondo è il Bolognese

Goya-Bolognese

Soffice, simpatico ma non solo, l’amico a quattro zampe di cui vorremo parlarvi è il Bolognese, anzi Sir Bolognese.

Eh già, perchè questo adorabile cane della famiglia dei “bichon” (in francese “bichon” indicava in generale i cani di piccola taglia a pelo lungo), è un fiero esponente di nobili origini italiane.

Talmente altolocato da essere stato raffigurato in alcune opere d’arte dei piu grandi pittori di tutti i tempi, quali Tiziano, Goya e Monet.

Ma cosa lo rende così prestigioso e tanto amato?

Ve lo sveliamo noi:

1. Personalità e versatilità

Allegro, affettuoso e vivace. Il Bolognese è un ottimo cane da appartamento, meglio ancora da salotto, che si adatta perfettamente a famiglie (non per forza di nobile stirpe) con bimbi piccoli o al seguito di persone anziane in cerca di compagnia

2. Un’ educazione da re

Innata attitudine al bon ton superata solo dalla sua intelligenza. I cuccioli di Bolognese apprendono velocemente ogni vostro ordine e quando ne accoglierete uno in casa, scoprirete quanto possa essere sensibile all’umore del suo padrone.
Attenzione a non cadere in debolezza o saprà approfittarne per il solo gusto di ottenere un biscottino in più. E non saprete come resistergli…

3. Appassionato di moda

I suoi batuffoli ricci, bianchi e morbidi, rendono il Bolognese un cane estremamente elegante ma, ahimè, molto freddoloso! La necessità lo rende, quindi, alquanto disponibile ad indossare qualsiasi genere di abbigliamento, purchè alla moda e all’altezza del suo rango, per un giusto mix di stile e comfort.

Ebbene si, il Bolognese è l’emblema dell’eleganza canina e se vorrete entrare nelle sue grazie vi basterà trattarlo come si deve e dargli il giusto valore. Il nobile esteta più famoso della letteratura, Oscar Wilde scrisse “Ho dei gusti semplicissimi, mi accontento sempre del meglio”, beh forse un cane lo ha avuto pure lui e di sicuro era un Bolognese!

 

Monet-Bolognese

“Camille Monet con cane”, Claude Monet, 1866, Stiftg. Sammlung Bühlre, Zurigo

Tiziano_Bolognese

“Ritratto di Federico II Gonzaga”, Tiziano, 1529, Museo del Prado, Madrid

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

No Comments

Post A Comment