Attenzione: cucciolo di cane in arrivo! 5 consigli per i bimbi (e i genitori)
16793
post-template-default,single,single-post,postid-16793,single-format-standard,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
 

Attenzione: cucciolo di cane in arrivo! 5 consigli per i bimbi (e i genitori)

Yorkshire-kid

 

Se c’è qualcosa da insegnare ai vostri figli, è sicuramente come amare un cucciolo. Chi ha già l’onore di avere come amico un cagnolino (ma anche un gatto, un criceto o un bradipo), saprà bene che sono creature positive e gioiose, in grado di creare un clima favorevole per l’infanzia dei bimbi. Per chi, invece, questo non lo sa ma vorrebbe adottare un cane, rimarrà sorpreso dai benefici che il quadrupede porterà in famiglia e senza grossi sforzi per i genitori, i bimbi impareranno il significato delle parole “rispetto” e “responsabilità”. WOW!

Piccoli, teneri e coccolosi sono i cuccioli Toy e Mini, perfetti per tutte le situazioni, anche quando lo spazio familiare è limitato, come ad esempio un appartamento. Infatti, ci sono razze molto più adattabili piuttosto di altre per le piccole esigenze, come il Bolognese, il Maltese, il Bichon Frise, lo Shi Tzu, lo Spitz Allemand (Pomeranian) o il Whippet, i cui caratteri sono generalmente docili e tranquilli (eccezioni alle regole escluse 🙂  ).

Ma perché proprio loro?

Beh, le taglie piccole sono più facili da gestire per le manine di un bambino e i consigli che vi daremo avranno anche una parte pratica.

Prendetele come piccole linee guida e scrivetele sulla lavagnetta della cucina, vi saranno d’aiuto per  rendere migliore l’esperienza dell’arrivo del nuovo “petit” peloso a casa vostra.

 

1. Imparare il rispetto per il cucciolo

È importantissimo tenere in considerazione che adottare un cane non è un gioco o uno sfizio. Quando si avvicina l’arrivo del cucciolo, sarebbe opportuno spiegare ai piccoli che si tratta di un compagno di gioco da rispettare. I bimbi apprendono più velocemente degli adulti e rimarrete sorpresi dall’amore sincero che si instaurerà tra loro.

 

2. Definire gli spazi

Non sempre gli spazi sono grandi quanto si vorrebbero. Perché tutto vada al meglio, ricordate fin da subito ai bimbi, di non disturbare il cane mentre mangia e mentre dorme. Anche l’amico quadrupede ha bisogno di aree “private” dove sentirsi sereno.

 

3. Come e quando nutrirlo

Se seguiti da un genitore, i bambini imparano presto ad avere cura del proprio cucciolo. L’ideale sarebbe insegnare ai piccoli padroncini come cambiare l’acqua dalla ciotola e come nutrire il cagnolino in maniera autonoma, istruendoli su quali sono i cibi adatti, le quantità e gli orari dei pasti per il fabbisogno giornaliero dell’amico a quattro zampe.

 

4. La cura

Le piccole azioni che si possono fare a casa per la toelettatura del cane, come ad esempio pettinare, spazzolare e perché no, acconciare con elastici e nastrini colorati i cani a pelo lungo, possono essere eseguite con l’aiuto dei bimbi. Spiegando le regole e lasciando loro gli strumenti a portata di mano, sarà un piccolo valore in più da aggiungere al bagaglio personale dei vostri figli.

 

5. Riordinare i giochi

I monaci giapponesi della scuola Zen associano le pulizie del tempio alla purificazione dell’anima. Insegnare ai bambini come riordinare i giochi del proprio cane domestico, potrebbe rivelarsi un esercizio che va oltre la semplice routine quotidiana…

 

No Comments

Post A Comment